Cortina: la “Dolce Vita” fra le Dolomiti

by United Blogs of Benetton on: novembre 20th, 2014

La chiamano la “Regina delle Dolomiti” e l’appellativo non poteva essere più azzeccato! Cortina d’Ampezzo, l’elegante centro turistico nel comprensorio del Cadore, è perfetta per vacanze sugli sci con i suoi 120 chilometri di piste che si estendono fra i  massicci delle Tofane, il Cristallo, il Faloria e le Cinque Torri. Luoghi di  indiscussa bellezza che offrono una vista spettacolare. Non a caso la località sciistica più chic d’Italia, incastonata fra le montagne dichiarate dall’UNESCO patrimonio dell’umanità nel 2009, è stata scelta più volte come set cinematografico da nomi famosi: da Jean-Jacques Annaud a Ermanno Olmi, da Vittorio De Sica a Blake Edwards. Sapete che il regista Sergio Corbucci amava ambientare i suoi western tra queste vette e che Frank Sinatra la visitò per girare la pellicola Von Raian Express? L’attore americano vi rimase alcuni mesi, trascorrendo lunghe serate fra ristoranti prestigiosi e sale da ballo ricche di charme.

Woman_car

Noi l’abbiamo scelta come set fotografico per il catalogo United Colors of Benetton Winter 2014 e ne siamo rimasti stregati!
Primo, perché Cortina è un salotto glamour e mondano con i suoi ristoranti stellati, i prestigiosi wine bar e le raffinate boutique nella lussuosa via principale. Inoltre, è il luogo delle vacanze del jet set internazionale. Reali, attrici e scrittori. Ernest Hemingway soggiornò qui varie volte e ci scrisse anche uno dei suoi romanzi. “Arrivava in pieno inverno su una macchina decappottabile col volto paonazzo e la barba completamente ghiacciata”, raccontano ancora oggi.

Kids

Secondo, perché, oltre ad essere la quintessenza della “Dolce Vita italiana”, custodisce nelle sue botteghe artigiane tradizioni antichissime, tramandate di generazione in generazione. Luoghi magici dove il tempo sembra essersi fermato, ed è bello perdersi fra gli oggetti creati da mani sapienti.

Woma_Man

Il “gioiellino” incastonato nelle Dolomiti non si fa mancare nulla, nemmeno luoghi selvaggi ed ancora incontaminati, da percorrere con le ciaspole o facendo sci di fondo. Se amate gli sport più avventurosi e adrenalinici, potete anche provare i percorsi fuori pista che esplorano i canali del Tofana e delle Creste Bianche, oppure, sperimentare le piste dedicate allo snowkite e i trampolini per i salti.

In estate, invece, è il luogo ideale per dedicarsi a passatempi di coppia! Fate un salto all’Osservatorio Astronomico ai piedi delle Tofane, a circa 1780 metri di altezza, per guardare con il naso all’insù le stelle, mano nella mano con la persona che amate. Oppure, lasciatevi incantare dai dintorni di Cortina, facendo lunghe passeggiate e, perché no, un romantico tête-à-tête sull’erba, gustando le prelibatezze del territorio.

Woman_man

Già perché fra queste montagne è possibile imbattersi in malghe, rifugi e ristoranti in quota, dove servono le gustose specialità ampezzane: i chenedi, i casunziei, il grostl o gli ossocolli. Tra i contorni, indimenticabili, sono le patate all’ampezzana. E i dolci? Tanti e tutti deliziosi: l’apfelstrudel, i krapfen ripieni alla crema o alla confettura di albicocche e i tortini di ricotta. Non possono mancare i vini: il prosecco, spumantizzato brut, dry o extradry, che rappresenta l’aperitivo per eccellenza. E, non da ultimo, l’ottimo vin brulé, per brindare alla charmant Cortina. Impossibile non avere voglia di visitarla!

Kid

 
 

Leave your comment

 Lana Vintage: le maglie che hanno fatto storia

by United Blogs of Benetton on: novembre 6th, 2014

Riuscite a immaginare qualcosa di più confortevole di un caldo maglione in lana per questi pomeriggi novembrini? Certamente no! Nulla è comparabile al comfort del nostro pull United Colors of Benetton, memoria del brand che ha dominato con la sua assoluta unicità e qualità il campo della maglieria.

Lana_Vintage_1

Tutti ne possediamo almeno no. Altri, invece, sono veri e propri wool addicted! Il nostro fedele pullover acquistato qualche anno fa, magari, comprato per un’occasione speciale: oppure, un regalo di una persona a cui teniamo in modo particolare. Quell’abbraccio familiare al quale non siamo (e non vogliamo essere) pronti a rinunciare. Il tessuto avvolgente, la fantasia dal sapore un po’ vintage, i colori senza tempo che non passeranno mai di moda.
Quanto sarebbe bello poter fare un breve tuffo nel passato per poter ritrovare quel gusto e quella qualità tipica degli anni d’oro della maglieria Benetton… Impossibile? Nient’affatto!

Lana_Vintage_woman

Quest’anno, United Colors of Benetton ha deciso di fare un regalo a tutte le appassionate della lana, rielaborando in chiave 2.0 alcuni dei suoi pezzi cult. Un cavallo di battaglia che Benetton non ha voluto accantonare, anzi, ha deciso di valorizzare perché parte importante della sua storia. Un’eredità di grande valore che conquista nei nostri cuori uno spazio speciale.

Unico brand al mondo ad essere tanto specializzato nella lavorazione della maglia, con il suo stile, ha saputo rivoluzionare il mondo della moda, creando capi innovativi che sono diventati dei veri classici. Da indossare oggi, esattamente come ieri.

Lana_Vintage_woman_2

Nella nuova collezione Winter 2014 riscoprite i maglioni jacquard, provenienti dagli archivi anni ’80. Lavorazioni che spaziano dal tartan al floreale stilizzato, sino alla tradizionale trama norvegese, nei toni del bianco e nero, riproposti oggi con la stessa fattura di allora. Capi davvero attuali, proprio oggi che i fashion trend esplorano print minimal, fantasie floreali e geometrie squadrate. Tessuti in cachemire blend che mantengono i volumi over, tipici degli indimenticabili “eighties”, un vero must dello sporty chic style. Insomma, incredibilmente attuali!

Preferite, invece, la grazia dei maglioncini “late 70s? Benetton li ripresenta uguali agli originali: iper femminili e coloratissimi. Sono il complemento ideale ai total look pastello: celeste cielo, giallo limone, rosa confetto o verde bosco, le maglie rieditate in delicata angoretta, con lo stesso taglio e identici nelle finiture, sono disponibili in tanti modelli: con maniche raglan o a sbuffo, a girocollo e cardigan bon ton chic.

UCB_adulto_IT

Una maglieria contemporanea pensata per durare ed essere sempre al passo con la moda. Anzi, sempre un po’ più avanti della moda. Per amare il passato e puntare al futuro. Nostalgici, ma senza malinconia!

 
 

Leave your comment

 Un tubino è per sempre

by United Blogs of Benetton on: settembre 24th, 2014

Ogni donna ne possiede almeno uno. Custodito nell’armadio come un piccolo tesoro da sfoggiare all’occorrenza: per occasioni eleganti, ma anche informali.

Stiamo parlando del tubino nero o little black dress (abbreviato in “LBD” per le più fashioniste) o, ancora, petite robe noir (per chi ama la lingua francese). Comunque lo si chiami, il tubino è una vera e propria icona di stile. Dove nasce? L’idea geniale è stata concepita da Coco Chanel nei lontani anni ’20 che, grazie al suo spirito innovativo, ha creato un abito moderno e senza troppi fronzoli. Il tubino più celebre di tutti i tempi è quello indossato da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany. Un outfit che sorprende per eleganza e gusto! Si tratta di un lungo abito in raso senza maniche che presenta sulla schiena un taglio molto particolare. Insomma, un vestito da sogno che tutte vorrebbero indossare.

audrey

Audrey (Holly) lo chiamava ironicamente “la mia tenuta da lavoro” ed è considerato uno degli abiti più influenti nella storia dell’abbigliamento e del costume del ventesimo secolo.

Nel 2007, la rivista britannica Daily Mail realizzò un sondaggio fra i suoi lettori, per scegliere il capo d’abbigliamento che non dovrebbe mai mancare nell’armadio di una donna: il più votato risultò essere proprio il tubino di Breakfast at Tiffany’s che si piazzò al primo posto, davanti ai jeans e al Wonderbra.

Il LBD, inoltre, rappresenta tanti aspetti in un solo abito. Sofisticato, ma minimalista. Raffinato, ma semplice. Comodo ma ricercato. È un concentrato di deliziose contraddizioni, proprio come noi donne!

eleganza_1

È un vero e proprio caposaldo del guardaroba femminile: classico, ma non impegna. Sembra una frase fatta ma è davvero così! Il suo non-colore per eccellenza la dice già lunga: non è invadente nè eccessivo e ,dall’altro lato, non passa nemmeno inosservato. Immancabile nella wishlist delle fashion addicted, ma anche un valido aiuto per le ragazze meno esperte, in cerca di un look femminile e… last minute.

I motivi per adorarlo sono molti:

Primo, il tubino può essere indossato anche ogni giorno! Quel tocco di classe che rende il look perfetto in ogni occasione.

Secondo, il little black dress si adatta facilmente ad ogni silhouette. Noi conosciamo bene i nostri difetti e facciamo di tutto per minimizzarli, scegliendo sapientemente forme e modelli.

Terzo, è “democratico”. La sua innata eleganza e le sue linee semplici gli permettono di essere raffinato anche senza spendere cifre da capogiro.

eleganza_2

United Colors of Benetton, nella sua collezione autunno inverno 2014, si è ispirata al modello più classico e ad abiti che reinterpretano il tubino in chiave più chic, introducendo scolli e pizzi. Scegli il tuo!

 
 

Leave your comment

 Limited Edition Arturo Elena: talento e avanguardia per la nuova collezione

by United Blogs of Benetton on: luglio 25th, 2014

Il bello dell’arte è che sei libero di scegliere cosa fare e come farlo. Sei libero, ogni giorno, di seguire le tue intuizioni. Chi ama scrivere sui muri, chi dipingere su una tela e chi, certe creazioni, avrebbe voglia di indossarle.

Arte prêt-à-porter! Un’idea su cui United Colors of Benetton ha deciso di investire. E per farlo punta in alto. Da sempre sensibile ai temi dell’arte, il marchio trevigiano coinvolge nel progetto Arturo Elena, illustratore spagnolo elegante e visionario: un vero artista nel suo genere.

BLOG_ArturoElenaxRauulEscanero

Arturo inizia presto ad operare nel campo della moda: lavora come Fashion Designer di collezioni uomo e donna a Toledo, Valencia, Barcellona fin quando, trasferitosi a Siviglia, nel 1992 decide di abbandonare quella strada per dedicarsi esclusivamente all’illustrazione.

Ha appena capito che ciò che lo appassiona non è fare lo stilista ma dare corpo a ciò che altri hanno solo immaginato, rappresentarne i desideri. E impara a farlo molto bene, aggiudicandosi riconoscimenti nazionali e internazionali. In pochi mesi, le sue creazioni compaiono tra le pagine delle più prestigiose riviste di moda spagnole e straniere, come Elle, Telva, Mujer Hoy, Yo Dona, Cosmopolitan. Lo sente: è roba sua, la sua materia, la sua anima, tanto da arrivare ad inventare un’altra grafica, un tratto che ricorda la maestria di uno scultore.

BLOG_ART_disegno

Le sue modelle sono giunchi sinuosi e impalpabili, icone d’eleganza disegnate al solo scopo di dare anima ai capi che indossano, figure agili ed eteree che sfuggono dalle dita del loro creatore e paiono danzare tra l’inchiostro delle pagine come ologrammi flessuosi, inafferrabili da un lato ma capaci di trasmettere anche un’immagine di forza, di compita decisione, quasi fossero in procinto di saltar fuori dalle tavole per sfilare sotto i tuoi occhi.
Una cifra stilistica fatta di estro e di passione, di maniacale attenzione al dettaglio che coniuga al talento l’amore per il cinema, la fotografia e i libri d’arte.

E così, quando Benetton gli propone di illustrare alcune t-shirt della prossima Collezione Autunno Inverno, non ci pensa due volte, come lui stesso racconta: “Non dico mai no quando un nuovo cliente mi propone una collaborazione e vedo affinità tra il brand e il mio stile di lavoro. Proprio come è accaduto nel caso di Benetton. Considero questo progetto un’ottima esperienza per entrambi… È un lusso potermi dedicare a ciò che più amo: moda e illustrazione

BLOG_t-shirt_arturo_elena_01

BLOG_t-shirt_arturo_elena_03

Il progetto ha coinvolto Arturo Elena, ma anche il team Benetton: un grande lavoro di squadra che ha dato vita a una Limited Edition Collection originale e sofisticata, composta da 4 diverse t-shirt.
Le t-shirt, che potrete ammirare ancora prima di indossare, saranno disponibili in tutti gli store Benetton a partire dal 25 luglio. In attesa di quella data, vi lasciamo prendendo spunto da una recente dichiarazione rilasciata dallo stesso Arturo: “Fare felice un cliente è la più grande soddisfazione professionale che io possa ricevere.”
Abbiamo fatto il possibile per poter dire lo stesso pensando a tutte voi!

BLOG_t-shirt_arturo_elena_02

Scopri di più su Arturo Elena

 
 

Leave your comment

 Magica Venezia: come lei nessuno mai

by United Blogs of Benetton on: luglio 21st, 2014

C’è la Little Venice di Londra e quella nel centro di Mykonos, c’è il Venetian Resort Hotel Casinodi Las Vegas, che riproduce in scala alcuni degli scorci più suggestivi del capoluogo veneto, ma di Venezia, quella vera, non può che esisterne una sola.

Antica repubblica marinara, eterna Regina dell’Adriatico, Venezia e la sua Laguna rappresentano per tutti una visione prodigiosa più che una terra in carne e ossa.

Raggiungerla dal mare è come immergersi di colpo nello skyline di un altro mondo che rimanda, in un istante, alla grandezza del passato e ai suoi rapporti con l’Oriente.

venice

L’architettura dei fastosi palazzi sul Canal Grande risalenti all’epoca bizantina e rinascimentale, i ponti di legno, ferro e cemento che ne collegano le sponde, le calli strette e sinuose che si snodano e si intersecano fino a perdere la forma nel recinto dei suoi campi, il labirinto di canali da risalire lentamente a bordo di una gondola fanno di questo luogo una delle mete turistiche più rinomate nel mondo.

Scoprire Venezia vuol dire perdersi a Venezia, per campi e campielli, tra le sue calli serpeggianti, nascoste e silenziose; vuol dire vagare, senza meta, fino a rimanere soli.

Salite sul Ponte di Rialto, attraversate Piazza San Marco, immergetevi nel traffico di turisti e commercianti e poi trovate il modo di lasciarveli alle spalle… approderete in qualche angolo silenzioso e inaspettato o su uno scorcio di Laguna dalla vista mozzafiato.

venice_rialto

Allontanandosi da Piazza San Marco, in direzione di via Garibaldi, si raggiungono i Giardini della Biennale e il complesso dell’Arsenale, un tempo fra i più attivi cantieri navali d’Europa; dal lato opposto Punta Dogana, il palazzo dell’Accademia col suo famoso ponte di legno e le decine di chiese disseminate intorno al sestiere di San Polo dove è possibile assistere a piacevoli concerti. A pochi minutisi trova, invece, il Lido, famosa località balneare e sede della mostra del Cinema che si tiene, tutti gli anni, a fine estate. Con un vaporetto, oltre al Lido, è possibile raggiungere anche le altre isole della Laguna, come la Giudecca, Murano, Burano, Torcello; mete a volte trascurate ma ricche di luoghi mirabili e tutte da scoprire.

Sono tante le attrazioni di questa mecca architettonica, spesso meno conosciute, ma per questo più curiose, luoghi frequentati solo dai locali, perfetti per calarsi nelle atmosfere veneziane, dove cicchetti e ombre di vino sono ancora di casa e nei Bacari, le osterie tradizionali, è possibile sperimentare tutto il gusto e la qualità della cucina locale.

Tanti gli scorci scenografici che hanno fatto da sfondo a pellicole cinematografiche e grandi romanzi e che oggi, United Colors of Benetton ha deciso di riscoprire per immortalare gli scatti della nuova collezione autunno inverno.

benetton_2

Proposte glamour e sofisticateche offrono la soluzione più adatta a qualsiasi occasione: pizzi, decori, accessori ricercati, tinte classiche o decise come il nero, il rosso, il viola, linee semplici e sciancrate. Motivi geometrici e floreali esaltati dal lusso e dal rigore dei panorami da fiaba, inviolati dal traffico, dalle corse forsennate, dai clacson e dai rumori della comune vita urbana.

benetton_sweet_autumn

arsenale

Un luogo magico, romantico, bello oltre le parole, capace di incantare e di riflettere, al contempo, tutta la ricercatezza della nuova collezione, dove tornare a scoprire il valore del tempo, dove nulla è mai perduto, perché a Venezia ogni istante è un istante guadagnato.

 
 

Leave your comment

 Capri: l’isola senza tempo

by United Blogs of Benetton on: giugno 23rd, 2014

Come un miraggio in mezzo al golfo, Capri resta un sogno da riscoprire di volta in volta.

Meta turistica fra le più celebri al mondo, la perla di Napoli è stata sempre circondata da un aurea di magia! Fondata dai greci, abitata dalle sirene, scelta da artisti e letterati che vi hanno soggiornato fin dai tempi della belle-epoque, l’isola prediletta da imperatori come Augusto e Tiberio non ha mai smesso di richiamare personalità illustri e comuni mortali.
Col tempo, nobili e poeti hanno lasciato il posto a politici, VIP e figure del jet set, ma il fascino di Capri continua a essere lo stesso.

Capri_Copertina

Chi ha la fortuna di ammirarla fatica a staccare gli occhi dalla distesa d’acqua limpida che circonda le sue coste, un mare blu cobalto, adatto a riflettere i colori del cielo e della sua vegetazione ricca e sempre verde. Nei giorni di bonaccia, lo sguardo corre libero sopra uno specchio quasi immobile, increspato unicamente dalle rotte dei natanti che l’attraversano ogni giorno dalla terra sino al cielo.

Capri_cima

E a scivolare lungo i suoi fianchi, che sia a bordo di un barchino o di un austero motoscafo, ci si ritrova sempre lì, a far la posta a quel pertugio rinomato in tutto il mondo: la grotta azzurra, un incantesimo che non delude mai, neanche le orde di turisti che continuano a accalcarsi per riscoprirne la bellezza.

iStock_000017318956Medium_1

Benneton_09_Boat_1496

Dalle coste frastagliate, ricche di cale e di calette, si può salire, senza fretta, fino a Piazza Umberto I – per tutti la “Piazzetta” – dove lo sguardo si ritrova a dominare l’orizzonte e gli avventori dei caffè assaporano il ricordo di un’antica roccaforte incastonata nella roccia, un lido da proteggere dalle incursioni dei pirati pronti a rubare la sua quiete fatta di pace e di bellezza.

La dolce vita caprese si ritrova tutta qui, seduta a un tavolo all’aperto, fra una chiacchiera e un croissant, dove il giorno cede il posto alle luci della sera, e i ragazzi si ritrovano per dare il via alle lunghe notti fatte di musica e di stelle, di silenzi e di promesse.

Capri_donnabracciali

Di giorno, invece, imperdibile una visita presso i giardini di Augusto, una serie di terrazze fiorite da cui è possibile ammirare sia i Faraglioni che gli ipnotici tornanti della via Krupp, opera architettonica di rara bellezza che collega il centro storico con la zona balneare di Marina Piccola. Fu proprio per accedere alla spiaggia in piena tranquillità che il magnate tedesco Alfred Krupp decise di far costruire una strada diretta ai suoi alloggi affacciati sul mare. Un capriccio di cui oggi possiamo essere orgogliosi.

Capri_Tris

E proprio qui, tra baie silenziose e distese cristalline, sono state scattate le immagini della nuova Collezione United Colors of Benetton. Un omaggio all’avvenenza dell’italianità. Gli scorci scelti per ritrarre i capi della stagione 2014 sono gli stessi immortalati dall’occhio di tanti cineasti che hanno visto in questo set la location più indicata per raccontare i loro film, contribuendo al mito dell’isola.

Un mito che si riflette nei colori e nelle linee della nuova collezione che abbina tessuti leggeri a mix di fantasie, camice a scacchi a maglie rigate e shorts con stampa all over. Proposte pensate per stare all’aria aperta, per godere la brezza del mare e il calore del sole in compagnia dei propri amici, liberi di sentirsi finalmente se stessi, di ridere e giocare… persino fra le onde.

Benneton_09_Boat_1637_1

E Capri, non a caso, sembra essere perfetta. Una terra che diventa immaginario di ogni cosa, palcoscenico ideale per ospitare i desideri, dove tornare di tanto in tanto, anche solo col pensiero, per respirarne la bellezza e poi uscirne rinfrancati.

Benneton_09_Boat_1702_presentazione_1

 
 

Leave your comment

 Limoncello: Fragranza mediterranea

by United Blogs of Benetton on: giugno 18th, 2014

Se c’è un liquore in assoluto che fa rima con estate, quel nettare, senz’altro, è a base di limone. Profumatissimo, digestivo, estasiante, ghiacciato, il Limoncello, in pochi anni, è diventato un vero must sulle tavole mondiali, sbaragliando avversari dalla storia millenaria.

Limoncello and lemons

L’origine di questo estratto risale ai primi del 900 e, come capita di norma per i grandi successi, la sua paternità rimane oggetto di contesa. Da decenni sorrentini, amalfitani e capresi sbandierano lo scettro della ricetta originale. Quale che sia la verità, resta che a Capri, il Limoncello, è venerato come un re. Si trova ovunque: su fragole, gelati, macedonie e babà. Una vera delizia del luogo che accompagna tutto l’anno aperitivi e dopocena.

foto 9_1

Il liquore dorato che accende l’isola una stagione dopo l’altra, suggerendo già allo sguardo il piacere del palato, trae origine dai limoni femminielli.

Grandi e succosissimi, gli agrumi della zona non conoscono rivali. Non basta infatti un frutto comune per realizzare il digestivo rinomato in tutto il mondo e anche se oggigiorno fioriscono le imitazioni, sia all’estero che in patria, il nome “Limoncello” risulta consentito solo per i limoni IGP della penisola sorrentina, di cui Capri rappresenta un ideale proseguimento.

img_1

Un prodotto che deriva dalla terra e conserva, di questa terra, tutta la forza e la tradizione; dove il fascino dei miti, delle antiche scorribande e dei paesaggi incantati incontra quello dei sapori, dei prodotti genuini, delle ricette semplici e raffinate; dove cultura e natura si intrecciano tra loro mescolando vecchio e nuovo, riportando alla memoria gli antichi fasti di un passato in cui l’isola rappresentava la terra d’approdo privilegiato per artisti e letterati in cerca d’ispirazione.

E proprio lo charme e l’armonia di questi luoghi, simbolo di bellezza e italianità, hanno fatto di Capri il set più adatto a ospitare gli scatti della nuova Collezione United Colors of Benetton 2014, realizzata proprio qui tra sentieri scoscesi ed ampi scorci di blu.

Dai look freschi e glam, ispirati alla stagione, agli outfit più sofisticati che uniscono alle linee morbide dei tessuti leggeri motivi etnici e decorazioni. Proposte che esaltano le contaminazioni, dove tuniche con stampe all over, top di pizzo e canotte bijoux si abbinano a pantaloni in cotone o a comodi shorts ricamati e fantasia. Spiccano, su tutti, i colori della natura che rimandano alla vista dei paesaggi mozzafiato: sabbia, verde, bianco e blu.

img_2

A farla da padrone, tutto l’estro ed il gusto dell’italianità che accompagna le giornate fino all’ora di cena.E alla fine di ogni pasto il Limoncello è sempre lì, capace di coinvolgere e far felice ogni palato: da piacevole dissetante, se allungato con acqua tonica, si trasforma in aperitivo abbinato allo champagne!

E per salutare l’estate con un cocktail fresco e dissetante, prova a unire al Limoncello, ghiaccio, menta e prosecco. Prendi due flûtes appena usciti dal congelatore e procedi come segue: versa nei bicchieri una base di limoncello, spolvera con le foglie di menta precedentemente lavate e spezzate a mano, aggiungi un poco di ghiaccio tritato e rifinisci con un tocco di prosecco. Il risultato è garantito.

Cocktail in the garden

Nelle notti capresi, non c’è tavolo che manchi di una bottiglia dorata… là dove il tempo scorre lento, l’aria ad un tratto si fa tiepida e brillano negli occhi di passanti ed avventori i riflessi delle luci che punteggiano la costa.

 
 

Leave your comment

 Brazil: tutto pronto per il fischio di inizio

by United Blogs of Benetton on: giugno 12th, 2014

C’è chi alla voce Brasile, ormai da molti mesi, non riesce a fare a meno di associare i Mondiali con tutto il bagaglio di gioie ed apprensioni che da sempre li accompagnano. E come dargli torto? L’accostamento calcistico, per il genere maschile, risulta inevitabile. E poi, al loro fianco, ci siamo tutte noi, quelle per cui certe equazioni non sono mai così scontate.

Quelle che sognano la spiaggia, gli aperitivi al tramonto, le mille acrobazie di windsurfer e ballerini.

Ci siamo noi, le donne, l’altra metà del cielo, quelle brave a lamentarsi per le grida esagerate o la birra sui cuscini – marchi distintivi di ogni session calcistica tra le pareti di casa – che poi, chissà perché, non riescono a evitare di cavalcare, pure loro, il pathos e la tensione che accompagna in modo ciclico l’attesa elettrizzante di un campionato del Mondo.

Brasil

Nel frattempo – penseremo – sono passati quattro anni, altri quattro, santo cielo!
Eppure non c’è scampo: il sentimento nazional-popolare, da un capo all’altro del pianeta, non conosce impedimenti.

E mentre in patria si allestiscono home theater improvvisati, tra polemiche infinite e scontri di ogni genere, in Brasile, il countdown è finalmente giunto al termine. L’incontro di apertura, che vedrà i padroni di casa opposti alla Croazia, è previsto per il 12 giugno alle 17.00 locali (le 22.00 italiane).

4B3A2600

D’altra parte, il Brasile non è mai stato così “in”. Da mesi le agenzie di viaggio sono sommerse di richieste e i posti vanno a ruba. Una frenesia globale che investe tutti i continenti e che ha di certo a che vedere con i richiami a sfondo esotico che alimentano il paese.

E così tornano alla mente anche i pensieri di partenza: oceano, spiagge, sole, balli frenetici e chiari di luna. In nessun posto come questo le contaminazioni diventano ricchezza: di lingue, di culture, di scelte e di sapori. Soltanto qui il caos di una metropoli nasconde la poesia di una vita di quartiere; e solo qui si può danzare, a piedi nudi, fino alle prime ore dell’alba per poi trovarsi in riva al mare a seguire con lo sguardo gli aquiloni dei kitesurfer che colorano le onde.

Solo in Brasile la costa riesce a offrire ogni sorta di attrazione: dalle dune di sabbia alle sculture di roccia, dalle spiagge bianche e vergini alle lagune di cristallo.
Persino il Cristo Redentore sembra non credere ai suoi occhi.

img

Rio de Janeiro, Brazil - 2013

_C3A4398 copia

E allora, quasi subito, ci sorge una domanda: come si abbina tanta bellezza al nostro beachwear per l’estate?

Undercolors of Benetton ha pensato anche a questo e proprio per non perdere neanche il più piccolo sussulto che anima il paese ha fatto del Brasile il proprio “palcoscenico” per realizzare il nuovo catalogo 2014! I risultati, come previsto, non si sono fatti attendere. Natura, ritmo, musica, cultura ed energia traspaiano nell’estro di costumi e accessori che mixano tra loro colori e fantasie: dai toni classici a quelli più accesi, dai motivi geometrici a disegni multicolor. Si va dal fucsia al verde smeraldo, dal blu al viola, pronti a risplendere sulla battigia insieme a stampe esotiche, rouche e volant.

image

Sarà che questa terra ha il potere di evocare infinite suggestioni, non solo l’allegria o i contrasti millenari, non solo la foresta con le sue genti e i suoi sciamani, non solo il ritmo coinvolgente delle sue danze o del carnevale… ma quante e quali siano sembrano riflesse tutte lì, nelle proposte in cui Undercolors ha scelto di raccogliere i mille volti di un paese in continua evoluzione. La regola è una sola: mixare senza limiti modelli e geometrie, prendendo spunto il più possibile dal brio eterno dei Carioca.

image_3

Rio de Janeiro, Brazil - 2013

Del resto lo sappiamo: la voglia di Mondiali è sempre voglia anche di estate. E allora perché no: rifarsi il look da spiaggia con un occhio di riguardo alla terra verdeoro potrebbe essere la scelta giusta per riuscire a propiziarsi anche qualche risultato.

Superstiziosi o meno, i riti scaramantici, in certe circostanze, non sono quasi mai abbastanza.
E allora, così sia. Ognuno faccia la sua scelta, prepariamoci a tifare e lasciamo che sia il campo a decretare il risultato… che poi, male che vada, potremo sempre farci un tuffo con un outfit tutto nuovo!

img_4

 
 

Leave your comment

 Nuovo Benetton Concept Store, a new shopping experience!

by United Blogs of Benetton on: giugno 4th, 2014

11_Milan On Canvas

Alzi la mano chi non ha mai avuto voglia di entrare in un negozio anche solo per il gusto di godersi lo “spettacolo”? È quello che succede da un mese a questa parte a Milano. Tutto merito del nuovo Benetton Concept Store “On Canvas”, inaugurato il 15 aprile scorso in Piazza del Duomo.

Futuristico, elegante, interattivo! Eh sì, perché con Benetton lo shopping diventa un’esperienza multisensoriale: dinamica e coinvolgente. Un viaggio all’interno di uno spazio aperto e luminoso, dove incantarsi e curiosare.

Al centro della scena la nuova collezione primavera estate 2014, ma non solo!
Quel che si avverte al primo impatto è la flessibilità, fatta di corner e di occasioni che si moltiplicano sotto i tuoi occhi grazie alla tecnologia.

Colori, tessuti, texture impressionano lo sguardo come vernice su una tela, sfruttando l’alternanza tra ciò che è presente in negozio e ciò che compare sugli schermi digitali. E, forse, proprio in questo sta la principale rivoluzione di questo nuovo concept store: l’integrazione continua fra ambiente fisico e virtuale.

Grazie allo “scaffale infinito”, con mini tablet dotati di app connessa allo shop online, è possibile acquistare tutto quello che cerchiamo, persino i capi che non si trovano in negozio.

Quello che un tempo sognavamo, oggi con Benetton è realtà: la giacca sarebbe perfetta ma manca la tua taglia? Niente panico! Con l’aiuto di un commesso, potrai assicurartela grazie allo shop online. Un’esperienza che richiama la magia di certe fiabe: volevamo la bacchetta magica? Oggi ci basta un mini iPad.

Da segnalare poi, tra le aree più suggestive, la Color Room dedicata alla maglieria in tutte le tonalità; un richiamo alla tradizione con un vantaggio in più: le avveniristiche proiezioni di look e di abbinamenti su appositi maxi schermi che offrono agli indecisi uno spunto ulteriore per definire il proprio stile, combinando con originalità modelli base e capi glam.

Immagine anteprima YouTube

Lo stesso format è già stato adottato per il restyling degli store di Firenze e Verona e per quello francese di Nizza. Prossima apertura nella capitale russa Mosca, a cui ne seguiranno altre, sia in Italia che all’estero.
Insomma, un mare di vantaggi. E se proprio abbiamo voglia di muovere una critica, ad avanzarla, in questo caso, sarà il vostro portafogli: “chi varca quella soglia non ne esce a mani vuote”. Ma se è vero – come diceva Oscar Wilde – che l’unico modo di liberarsi da una tentazione è cederle, non mi rimane che augurarvelo: lasciatevi tentare!

Immagine anteprima YouTube
 
 

Leave your comment

 Gli unicorni esistono!

by Be-Blogger Italy on: gennaio 30th, 2014

unicorno 2

Magico, etereo, l’unicorno è da sempre una leggendaria creatura, nessuno lo ha mai visto, ma tutti lo sognano già dalla tenera età. Molto spesso viene rappresentato come un grandissimo cavallo bianco, con un unico corno al centro della fronte, ma sempre più spesso la lunga criniera viene immaginata come una folta chioma color arcobaleno. Adorabile!

unicorno 5

Simbolo di saggezza, nell’immaginario cristiano poteva essere ammansito solo da una vergine, testimonianza di purezza. Nella tradizione medievale invece si pensava che il corno potesse neutralizzare i veleni. Oggi l’unicorno rappresenta la fantasia, la fanciullezza, il voler rimanere giovani ed attaccati alle bellezze della vita, alla semplicità dei gesti quotidiani, ai colori, alla magia che solamente gli esseri umani sono capaci di sviluppare, con la propria mente.

unicorno 3

La moda trae spunto anche da questo e così ecco nascere pigiami, accessori, anelli, cappelli assurdi e t-shirt dall’animo hipster. Il web, come sempre, offre centinaia di idee e spunti per realizzare un outfit ispirandosi agli unicorni, bisogna solamente saper rendere personale il proprio look, adattandolo alla personalità di ognuno di noi. Io ad esempio seglierei questa t-shirt e voi?

unicorno 4

Photo Credits: weheartit

Federica

Fashion Apartment

 
 

Leave your comment