Vetrine in città in mostra a Milano

by Be-Blogger Italia on: gennaio 24th, 2012

Una delle cose a cui non potrei mai rinunciare è la mia passeggiata per le vie del centro del sabato mattina, quando passo ore a osservare rapita le vetrine di negozi e boutique o a studiare le persone che mi passano a fianco, cercando di capire chi sono tramite i loro outfit.

Silvano Spelta - Vetrine in città

Silvano Spelta - Vetrine in città

Silvano Spelta - Vetrine in città

Già, perché ciò che indossiamo rivela molto di noi e del nostro modo di essere: le nostre scelte nel vestire rappresentano uno degli strumenti di comunicazione più spontanei e diretti! Proprio questo è il pensiero che il pittore Silvano Spelta vuole esprimere con la sua mostra Vetrine in città - Uno sguardo oltre le apparenze”.

La mostra racconta la magia racchiusa nelle vetrine dei negozi milanesi dove gli abiti sono i protagonisti indiscussi: secondo Spelta le vetrine rappresentano un simbolico sipario tra il mondo fittizio e quello reale, grazie al confronto tra l’immagine di ciò che sta all’interno e quella riflessa di ciò che sta al di fuori.

Silvano Spelta - Vetrine in città

Silvano Spelta - Vetrine in città

Se anche voi vi trovate nella capitale della moda, non perdetevi questa mostra decisamente fashion!

Silvano Spelta “Vetrine in città - Uno sguardo oltre le apparenze” . Villa Litta – Viale Affori, 21 – Milano

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 PIXAR – 25 anni di animazione

by Be-Blogger Italia on: dicembre 7th, 2011

Pixar - 25 anni di animazione

Dedicato agli amanti del cinema d’animazione e dell’arte digitale, a tutti quelli che, quando decidono di andare al cinema, scelgono immancabilmente di vedere un cartone animato, l’unico genere di film ancora in grado di regalare loro emozioni. C’è un appuntamento imperdibile per tutti noi appassionati: presso il Pac di Milano ha aperto, e rimarrà aperta sino al 14 febbraio 2012, la mostra Pixar – 25 anni di animazione.

Pixar - 25 anni di animazione

Pixar - 25 anni di animazione

Pixar - 25 anni di animazione

La mostra arriva nel capoluogo lombardo nel corso di un vero e proprio tour internazionale che, partito dal MOMA di New York, è passato in Australia, ha attraversato l’estremo Oriente e gira ora in Europa.

Pixar - 25 anni di animazione

I 25 anni di storia della Pixar vengono raccontati attraverso 700 opere legate ai grandi classici della casa di produzione voluta da Steve Jobs. Pixar – 25 anni di animazione vuole soprattutto far conoscere il lavoro di sviluppo e progettazione che sta dietro alla produzione di un lungometraggio di animazione, così troviamo in mostra, schizzi, disegni a tempera, disegni digitali e sculture da cui sono nate le opere della Pixar: dal primo lungometraggio, dedicato a Luxo Jr, del 1986, ai grandi capolavori degli ultimi anni come Toy Story, WALL-E, Up o Cars finendo con Brave, ultimo capolavoro in uscita nel 2012.

Pixar - 25 anni di animazione

Sono sicura che se anche per voi, come per me, Pixar è un simbolo di cartoni animati di qualità e di ore ed ore di divertimento, non vi perderete questo appuntamento… io di sicuro non lo farò! :)

Pixar - 25 anni di animazione

Pixar - 25 anni di animazione

Nelle foto dall’alto:

John Lasseter, LUXO JR, 1986 – Pastello

3 dipinti digitali di Lou Romano, Color script, GLI INCREDIBILI (2004)

Robert Kondo, Emile and Remy, RATATOUILLE (2007) Dipinto digitale

James Robertson, Storyboard, Fire effects di Andrew Jimenez, TOY STORY 3 (2010) Dipinto Digitale

Jason Deamer, Eve, WALL ·E (2008) Inchiostro e pennarello

John Lasseter, Wally B. and Andre, THE ADVENTURES OF ANDRE & WALLY B. (1984) Matita

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 Audrey a Roma – Esterno Giorno

by Be-Blogger Italia on: novembre 9th, 2011

In occasione del 50° anniversario di “Colazione da Tiffany, la mostra “Audrey a Roma -  Esterno Giorno”, celebra a Roma il mito di Audrey Hepburn, indimenticata diva del cinema che del tubino nero di Givenchy, indossato con semplicità e classe proprio in Colazione da Tiffany, ha fatto il simbolo del suo stile e allo stesso tempo l’abito più influente della storia della moda del XX secolo!

mostra Audrey Hepburn Esterno giorno

La mostra, che aperta in contemporanea con il Festival Internazionale del Film di Roma, ripercorre la vita dell’attrice attraverso scatti inediti, video ed oggetti di sua proprietà: gli scatti fotografici, in particolare, provengono dagli archivi di alcune delle più importanti agenzie fotografiche e ritraggono vari momenti della vita quotidiana di Audrey nel corso dei suoi anni a Roma.

mostra Audrey Hepburn Esterno giorno

Un appuntamento imperdibile per tutte le vere fashioniste, visto che la mostra è composta anche di foto di abiti ed accessori: uno splendido modo per fare un viaggio a ritroso nella moda di quegli anni, accompagnati dalle scelte di una delle maggiori icone glamour!

mostra Audrey Hepburn Esterno giorno

La mostra sarà ospitata dal Museo dell’Ara Pacis fino al 4 dicembre e, l’integrazione del biglietto, verrà devoluta ad un ente che a Audrey Hepburn stava molto a cuore, l’Unicef, alla cui causa l’attrice ha dedicato parte degli ultimi anni della sua vita. A questo proposito, nella mostra saranno esposte anche alcuni scatti che ritraggono Audrey con i bambini del Bangladesh, Vietnam, Somalia, Sudan, Etiopia ed America Latina.

Nelle foto dall’alto:

- 16 giugno 1958. Un’elegantissima Audrey in partenza dall’aeroporto di Ciampino dopo un incontro con i giornalisti.
© Archivio Storico Luce – proprietà Cinecittà Luce

- 7 febbraio 1960. Audrey all’uscita dell’Hotel Hassler a Trinità dei Monti.
© Archivio Storico Luce – proprietà Cinecittà Luce

- 1959. Audrey a Trinità dei Monti. Sullo sfondo, Villa Medici, sede dell’Accademia di Francia.
© Archivio Storico Luce – proprietà Cinecittà Luce

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

1 commento

 Vintage Next a Belgioioso

by Be-Blogger Italia on: ottobre 19th, 2011

Lo scorso weekend, all’interno del castello di Belgioioso, si è svolta la fiera “Vintage next”. Appuntamento dedicato alla moda vintage e agli accessori d’epoca, questo evento ha rappresentato un’occasione davvero imperdibile per tutti gli appassionati del genere.

Vintage

Ammetto di essermi avvicinata al mondo del vintage solo da poco, ma ne son diventata una tale maniaca che appena ho saputo della fiera di Belgioioso, ho deciso che non me la sarei fatta sfuggire! Il risultato della mia visita? Tanti acquisti e una valanga di idee per i miei prossimi outfit!

Capi Vintage

vintage cappelli

Alla fiera hanno partecipato molti espositori e visitare gli stand è stato davvero elettrizzante! Erano presenti negozi vintage in gran numero, anche internazionali, ma sono stati i ricercatori, rimasti veramente in pochi purtroppo, a colpire maggiormente la mia attenzione! Queste persone, che hanno letteralmente dedicato la loro vita alla passione per la moda d’epoca, hanno raccolto pezzi così rari ed importanti che i maggiori stilisti oggi si recano a visitare le loro collezioni in cerca di ispirazione!

vintage abiti d'epoca

valige vintage

stand vintage

vintage cappotto blu

È stato un’onore avere la possibilità di toccare con mano i risultati delle ricerche di questi appassionati e, proprio spulciando tra questi capolavori, mi son venuti in mente alcuni capi ‘chiave’ dell’attuale collezione Benetton: capi in perfetta linea colour block anni ’60, come quelli che compongono l’outfit a sinistra: una reinterpretazione in chiave moderna, dalle linee essenziali, con forme e proporzioni a diverse lunghezze. Per non parlare, poi, di questo cappotto total color blu elettrico, dalla tinta decisa e definita!

Autunno inverno 2011 collezione Benetton

Benetton soddisfa qualsiasi richiesta in fattore di moda, tendenze e colore, quindi ora scappo a creare il mio outfit vintage… ma con la collezione a/i 2011-12!

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

1 commento

 Elephant Parade!

by Be-Blogger Italia on: ottobre 5th, 2011

Dopo il successo della Cow Parade del 2007, Milano ospita una nuova, simpatica invasione animalier!

elephant parade

elephant parade

Si tratta della Elephant Parade, una mostra “an plein air” composta da 80 statue di cuccioli di elefanti asiatici. Le statue, ognuna delle quali è stata dipinta da un artista di fama internazionale, hanno letteralmente invaso la città e le si può ammirare nel quadrilatero della moda come sui navigli… alcune sono addirittura arrivate sino all’aereoporto di Malpensa!

elephant parade

La scelta dell’elefantino asiatico come soggetto della mostra vuole essere un tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di questo splendido animale oramai, purtroppo, a rischio estinzione. In più, le statue a fine mostra verranno messe all’asta e i ricavi della loro vendita verranno devoluti all’Asia Elephant Foundation, oltre che a Telethon.

elephant parade

elephant parade

L’Elephant Parade rimarrà in mostra per le vie di Milano fino al 15 novembre e vi consiglio vivamente di fare una passeggiata per i quartieri storici del centro perchè, ve lo assicuro, la meraviglia che si prova, ogni volta che si svolta un angolo, alla vista di uno di questi simpatici elefantini non ha prezzo!

elephant parade

Se, poi, volete anche lasciare il vostro contributo per questa, direi ottima, causa, non mancate di acquistare i gadget dell’Elephant Parade nello store online.

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 La moda critica in fiera a Milano

by Be-Blogger Italia on: settembre 28th, 2011

Durante la settimana della moda, Milano si accende e le sfilate, le fiere, le mostre e i party diventano gli assoluti protagonisti della vita della città. Di tutti gli eventi cui ho partecipato quest’anno, uno mi ha colpito in maniera particolare per i valori etici che l’hanno ispirato: la fiera So critical so fashion, tre giorni dedicati alla moda critica, etica e, allo stesso tempo, bella!

Nel corso della So critical so fashion sono state presentate collezioni di abiti, accessori e gioielli realizzati rispettando valori e buone pratiche, ovvero utilizzando materiali “alternativi”, a volte riciclati, altre addirittura con manifattura a chilometri zero!

gonna fatta di bustine di zucchero

abito in carta

Curiosando tra gli stand della fiera, ho assistito ad un’esposizione di abiti da sera in carta e gonne fatte con bustine di zucchero, gioielli realizzati con materiali di riciclo e addirittura una pochette composta da lattine di bibite! Tutte proposte assolutamente geniali, non trovate?

Che dire poi di questa collana in cartoncino ondulato?

Questa collana è fatta di carta, cartoncino, coriandoli, carta truciolata e vernice fluo.

collana

Decisamente la cosa più simpatica che ho visto è stato il camerino di prova per il pubblico: in cartone, ovviamente. ;)

camerino in cartone

Anche quest’anno la So critical so fashion ha riscosso un grandissimo successo raccogliendo un’infinità di proposte su come fare moda in maniera coscienziosa a partire dagli oggetti più impensabili!
Complimenti a tutti gli stilisti critici!

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

1 commento

 Burlesque, l’ironica seduzione d’amore

by Be-Blogger Italia on: settembre 2nd, 2011

Ultimamente a Milano è esplosa la mania per il Burlesque: vengono sempre più frequentemente organizzate serate dedicate a spettacoli di questo genere, si moltiplicano i corsi che insegnano quest’arte, proliferano i negozi di intimo ad essa dedicati.

L’interesse per questo genere è così alto che oggi, 2 settembre, apre a Brescia, presso i musei Mazzucchelli una mostra dal titolo “Burlesque, l’ironica seduzione d’amore“.

Burlesque, l'ironica seduzione d'amore

La mostra consiste in 23 scatti realizzati in diverse location da Marco Girolami, fotografo di fama internazionale: le sue foto esaltano la personalità esuberante delle performer del Burlesque e la loro femminilità, accentuata da dettagli come pizzi, merletti, piume, ricami, nastri, guepière e corsetti!

I migliori scatti andranno a comporre un calendario che verrà presentato in occasione dell’inaugurazione della mostra: un vero e proprio omaggio all’arte del Burlesque.

Burlesque, l'ironica seduzione d'amore

La mostra verrà allestita all’interno della settecentesca Sala delle Colonne dei Musei Mazzucchelli, accanto a un’esposizione di biancheria femminile che conterrà capi risalenti al periodo compreso tra l’inizio del Novecento e gli anni sessanta.

Burlesque, l'ironica seduzione d'amore

Sicuramente “Burlesque, l’ironica seduzione d’amore” è una mostra da non perdere… ma lasciatevi che vi dia un consiglio: state attenti se siete deboli di cuore perchè le emozioni sono assicurate ;)

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

2 commenti

 I foulard di Carla Crosta

by Be-Blogger Italia on: agosto 16th, 2011

mostra di Carla Crosta

La Triennale DesignCafè di Milano ospita, fino all’11 settembre, una mostra dedicata ad uno degli accessori più glamour della storia della moda: il foulard. In esposizione quelli che la milanese doc Carla Crosta ha disegnato durante la sua carriera dal 1966 al 1999.

mostra di Carla Crosta

Il foulard è storicamente un accessorio molto amato dalle dive del cinema: Audrey Hepburn era solita utilizzarlo come copricapo e tutti ricordiamo come Grace Kelly, nel film “Caccia al ladro“, se lo annodasse al collo per ripararsi dal vento.

mostra di Carla Crosta

mostra di Carla Crosta

Oggi questo capo è un must have, presente nell’armadio di ogni donna: questo, ovviamente, grazie anche al lavoro di artisti come Carla Crosta. I foulard esposti nella mostra, grazie al sapiente utilizzo del colore e delle forme geometriche, risultano attuali e contemporanei nonostante siano stati disegnati anche trent’anni fa.

mostra di Carla Crosta

mostra di Carla Crosta

Artista a 360 gradi, Carla Crosta ha esposto diverse opere di scultura, insegnato presso scuole di design e grafica, tenuto seminari al Politecnico e disegnato foulard per alcune delle più famose case di moda italiane: oggi lavora nel suo studio in Porta Genova a Milano, progetta e crea borse, sciarpe, cappelli, cravatte, arazzi, collage e patchwork.

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

1 commento

 Anish Kapoor a Milano: Dirty Corner

by Be-Blogger Italia on: agosto 3rd, 2011

A Milano, presso la Fabbrica del Vapore, è in mostra un’installazione site-specific di Anish Kapoor dal titolo “Dirty Corner.

Kapoor, nato a Bombay, ma formatosi artisticamente a Londra, è uno dei più importanti e influenti scultori viventi, in grado di dar vita ad un modo totalmente nuovo di concepire la scultura: le sue opere, realizzate in metallo o cera, sono spesso di dimensioni che potremmo definire monumentali e, nonostante questo, riescono ad integrarsi perfettamente con l’ambiente in cui vengono inserite, entrando in totale armonia con esso.

Dirty Corner consiste in una struttura circolare a tubo che occupa totalmente lo spazio espositivo della Fabbrica del vapore: realizzato in acciaio, lungo 60 metri ed alto 8, ha un’impressionante apertura a calice che sembra attirare i visitatori all’interno dell’installazione. Sì, perché l’interno di Dirty Corner è accessibile ai visitatori, e anzi, secondo Kapoor, per godere appieno dell’opera, il visitatore deve percorrere il tubo in tutta la sua lunghezza.

Dirty Corner, tra l’altro non è un’installazione statica, ma verrà progressivamente sommersa da un cumulo di terra di circa 160 metri cubi grazie ad un nastro trasportatore continuamente in funzione.

L’installazione è meravigliosa, vi assicuro che di fronte a quest’opera non si può rimanere indifferenti!

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 L’artigianato tradizionale in Italia

by Be-Blogger Italia on: luglio 29th, 2011

Lo scorso weekend, durante la mia visita alle montagne della Valle d’Aosta, ho approfittato con entusiasmo della possibilità di visitare la mostra dell’artigianato tradizionale di questa regione.

L’esposizione, situata proprio nel centro di Aosta, comprendeva un vasto assortimento di prodotti tutti realizzati a mano: classici attezzi per l’agricultura, lavorazioni in ferro battuto, mobili, intagli, oggetti in legno, sculture e accessori in pelle e cuoio.

Senz’altro, i prodotti che hanno maggiormente attirato la mia attenzione sono state le borse porta pane in paglia: sembravano delle moderne borse a tracolla!

Molto interessanti anche gli astucci per gli scolari in cuoio, con finiture curatissime e cerniere che ricordano quelle delle cartelle di una volta e delle borse da dottore!

Gli astucci, pur avendo delle linee assolutamente tradizionali in Valle d’Aosta, mi hanno veramente stupito perché ricordavano in maniera incredibile le linee di alcuni accessori di questa stagione!

Alla fiera non sono mancati accessori tradizionali della gente della regione che, per chi viene da fuori, possono risultare curiosi e divertenti: mi riferisco ai cappelli dei costumi della tradizione, alle tipiche pantofole in legno e agli oggetti più svariati in ferro battuto come ad esempio i ferri da stiro. Assolutamente meravigliosi, poi, gli strumenti per la stampa dei tessuti!

Un’esposizione interessantissima di arti anche molto diverse tra loro, insomma, che ha confermato, qualora ce ne fosse bisogno, l’originalità e l’assoluta bravura degli artigiani italiani.

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment