World Environment Day

by Be-Blogger Italia on: giugno 5th, 2012

Bosco verticale Milano

Quella di oggi è una data veramente importante! In tutto il mondo, infatti, si celebra il World Environment Day, la giornata dedicata all’ambiente.

Vi sarete accorti che il tema dell’ecologia ci è particolarmente caro: abbiamo affrontato spesso argomenti legati al rispetto dell’ambiente e allo sviluppo sostenibile (dai graffiti fatti col muschio, alle fiere del consumo critico fino ad arrivare alle costruzioni che si basano sui principi del GreenLiving) ed oggi vogliamo cogliere l’occasione di festeggiare insieme a voi questa splendida iniziativa parlandovi di un progetto che potrebbe davvero cambiare in meglio il nostro modo di concepire l’edilizia e lo sviluppo delle città!

Bosco Verticale progetto

Mi riferisco al “Bosco verticale” in preparazione proprio qui, a Milano: una costruzione progettata da Boeri Studio per integrare in completa armonia architettonica un palazzo abitativo dotato di tutti i confort a cui siamo abituati ad una vegetazione talmente ricca e rigogliosa da creare un vero e proprio bosco sviluppato in altezza! Un polmone artificiale al servizio della città, insomma, in grado tra l’altro di sfruttare la naturale azione delle piante per aiutarsi nella regolazione della temperatura tanto i ninverno quanto durante la stagione calda, abbattendo in questo modo le emissioni inquinanti!

Un progetto in grado di cambiare il futuro, non solo di Milano, ma del mondo intero: mi auguro solo che venga realizzato al più presto e che venga compreso ed esportato il più possibile… il nostro pianeta ha davvero bisogno di opere di questo tipo!

Tutte le foto ©Boeri Studio
Silvia
addictedtoshopping.it
 
 

1 commento

 Crea il tuo graffito al muschio!

by Be-Blogger Italia on: maggio 2nd, 2012

Se siete creativi e avete un animo ribelle, se amate la street art e sognate di coprire il grigio del cemento con le vostre opere, preparatevi a prendere appunti: ho intenzione di rivelarvi una ricetta che vi permetterà di preparare una tinta assolutamente ecologica con cui coprire la vostra città di graffiti… di muschio!

I “moss graffiti”, o graffiti di muschio appunto, ultima frontiera del cosiddetto guerrilla gardening, non sono infatti realizzati con le solite bombolette di vernice spray, costose ed inquinanti, ma con una miscela naturale al 100% che non troverete in nessun negozio: per averla dovrete essere voi a prepararla!

MOSS GRAFFITI

FASE 1: recuperate un paio di manciate di muschio che potrete trovare nei prati e in zone alberate: basta cercare nei punti umidi e in ombra

FASE 2: pulite il muschio con le mani eliminando le radici e quindi lavatelo

FASE 3: inserite il muschio in un frullatore, aggiungete 2 tazze di yogurt, 2 lattine di birra ed un cucchiaio di sciroppo di malto. Frullate la miscela fino a quando non otterrete un composto cremoso.

Esempi di street style Moss Painting

Ora la vostra vernice al muschio è pronta e voi potete finalmente “attaccare” quella parete che state puntando da tempo! Non dimenticatevi però che la vostra opera va coltivata: avete usato una vernice viva! Quindi, controllate periodicamente il vostro graffito, annaffiatelo con uno spruzzatore una volta la settimana e dategli una ripassata se notate punti in cui il muschio si è seccato!

Silvia
addictedtoshopping.it 

 
 

2 commenti

 Fa’ la cosa giusta!

by Be-Blogger Italia on: aprile 3rd, 2012

FA’ LA COSA GIUSTA! è la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili: un’occasione imperdibile per scoprire buone pratiche di consumo ed entrare in contatto con metodi di produzione ispirati ai valori della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale.

Scarpe bambino - Fa' la cosa giusta!

Pannolini lavabili - Fa' la cosa giusta!

Mammarsupio - Fa' la cosa giusta!

La fiera, che si è tenuta a Milano dal 30 marzo al 1 Aprile, era suddivisa in aree tematiche diverse e molto specifiche. La prima che ho visitato è stata il PIANETA DEI PICCOLI, un intero mondo di accessori per bambini prodotti con materiali riciclati e pensati per minimizzare gli sprechi.

Ballerine sughero - Fa' la cosa giusta!

Scarpe in sughero - Fa' la cosa giusta!

Borracce Eco - Fa' la cosa giusta!

Borse in pvc - Fa' la cosa giusta!

bomboniere in carta - Fa' la cosa giusta!

Phone bag - Fa' la cosa giusta!

Il tema riciclo è stato il vero protagonista dell’evento e gli stand della “CRITICAL FASHION” sono quelli che l’hanno affrontato con la maggiore originalità: portafogli e borse in PVC recuperato dai tendoni dei camion, scarpe prodotte secondo la filosofia vegana e scarpe in sughero, bomboniere di carta modellate con la tecnica degli origami giapponesi, borse disegnate a partire dai componenti di telefoni degli anni 80. Non ho davvero modo di elencare tutto, ma, credetemi, i designer intervenuti alla fiera si sono davvero superati ed io… avrei acquistato tutto!

Corso di cosmesi naturale - Fa' la cosa giusta!

Saponette naturali - Fa' la cosa giusta!

Presso l’area dedicata alla COSMESI NATURALE, poi, ho vissuto il momento più interessante della mia visita: ho infatti assistito ad una lezione su come produrre un tonico e un detergente per il viso a casa propria, con ingredienti assolutamente naturali. Non vedo l’ora di provarci, vi farò sapere come è andata!

Miele - Fa' la cosa giusta!

Gli stand dedicati al cibo, infine, erano tantissimi: esponevano frutta, verdura, dolci e un infinità di prodotti curiosi come, ad esempio, del miele rivisitato grazie all’aggiunta di frutta di tutti i tipi.

Panchine di legno - Fa' la cosa giusta!

Sedie in pvc - Fa' la cosa giusta!

Sedia di carta - Fa' la cosa giusta!

La fiera è stata super anche nelle aree relax, attrezzate con panchine ricavate da scatole di legno e sedie in cartone o in pvc in grado di essere allo stesso tempo ecologiche, comodissime e assolutamente di design!

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 Una città in total green!

by Be-Blogger Italia on: marzo 22nd, 2012

Niente può eguagliare il piacere di essere circondati dalla natura, la sensazione di libertà e pace che si prova quando si vive circondati dal verde. Ho apprezzato realmente queste emozioni per la prima a Bali, un paio di anni fa, passeggiando immersa in paesaggi dominati da una natura straripante ed ancora incontaminata e vivendo praticamente tutto il tempo all’aria aperta, in piena armonia con il mondo intorno a me.

Dopo una simile esperienza, ho iniziato a guardare con occhi diversi il grigio ambiente delle nostre città: l’avevo sempre data per scontato, mi sembrava così “naturale”.

Green Living

Green Living

Green Living

Mi sono invece accorta di come i parchi non sempre bastino a soddisfare il mio bisogno di verde, mentre disegni, poster e murales che riproducono paesaggi piante e animali iniziato quasi a darmi fastidio! Sono il verde e le piante che voglio intorno a me… ma come?

Forse l’azienda GreenLiving ha trovato una soluzione!

GreenLiving propone soluzioni per lo sviluppo e la realizzazione di giardini e coltivazioni verticali in grado di trasformare le facciate ed i tetti dei palazzi delle nostre città in prati e orti. Magari non risolverà completamente il problema dell’ambiente nelle metropoli, ma pensateci un attimo: quanto sarebbe bello svegliarsi, aprire la finestra e trovarsi di fronte una parete fiorita o un tetto ricoperto da un prato all’inglese?

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment

 Un pc ecosostenibile

by Be-Blogger Italia on: marzo 1st, 2012

Recompute
In occasione del concorso Greener Gadgets Design Competition, Brenden Macaluso ha presentato un oggetto che definire favoloso è riduttivo: si chiama Recompute ed è il primo PC rispetta veramente l’ambiente!

Brenden è partito dal presupposto che i computer sono estremamente difficili da smaltire! I materiali che li compongono, plastica, alluminio, acciaio, rame e via dicendo non possono infatti essere riciclati se non separatamente: ma, per come vengono assemblati i pc, è praticamente impossibile dividerne le singole componenti in modo da smaltirle efficacemente.

Nasce da questa riflessione il primo computer completamente riciclabile: Recompute, infatti, sfrutta un case prodotto in cartone riciclato e colla non tossica che permette, al termine del suo ciclo di utilizzo, di separare facilmente i componenti del pc in modo da poterli riciclare senza graossi problemi! Per di più, Recompute, oltre ad essere eco-friendly, è così bello ed originale che può essere visto come un perfetto oggetto di design.

Già mi immagino i possibili sviluppi futuri di questo progetto: quanto sarebbe bello poter disegnare il case del proprio computer direttamente sul cartone? Magari partendo da riproduzioni delle nostre stampe preferite o su un collega dai colori fluo!

Recompute

Recompute, però, per il momento ha un grosso problema: il prezzo! Costa intorno ai 600 dollari. Una somma impegnativa, ma che, tutto sommato, visto il bene che può fare all’ambiente, può valer la pena di affrontare, non pensate?

Silvia
addictedtoshopping.it

 

 
 

Leave your comment

 Una sedia wi-fi per tutti!

by Be-Blogger Italia on: gennaio 26th, 2012

Quando visito una città non manco mai di visitarne i parchi perché, dopo aver trascorso ore passeggiando per viali e palazzi (e negozi), non c’è niente di meglio che rilassarsi e, letteralmente, cambiare aria tra prati ed alberi. In queste occasioni, scelta una panchina, apro il mio portatile e lavoro a cielo aperto… la trovo una cosa meravigliosa!

Spesso e volentieri però mi imbatto in un ostacolo non indifferente visto che, purtroppo, non sono molte le città che, come New York ad esempio, mettono a disposizione di chiunque una rete wi-fi gratuita che copre l’intera area urbana, parchi compresi.

Chairsharing a Milano

C’è però un gruppo di giovani disegner milanesi, il collettivo “Snark – space making”, che ideato una soluzione che, se realizzata, potrebbe risolvere questo problema: il chairsharing!

Il chairsharing consisterebbe in una rete di sedie mobili a noleggio con sistema wi-fi integrato: una volta noleggiata la propria sedia, ci si può muovere per la città, fermarsi ovunque si desideri e connettersi in pienà libertà!

Immagine anteprima YouTube

Secondo il progetto, le sedie verrebbero realizzate in alluminio anodizzato utilizzando al 100% materiali riciclati, avrebbero un design minimal e sarebbero dotate di una ruota che premetterebe di muoverle per la città senza problemi. In più, le sedie wi-fi sono state pensate per essere assolutamente compatibili con tutte le stazioni di bike sharing esistenti!

Tutto questo però, per il momento, è solo un’idea… spero tanto che diventi realtà… non vedo l’ora di postare direttamente dal parco anche a Milano!

Silvia
addictedtoshopping.it

 
 

Leave your comment